Via dell'Industria, 14/B - 36045 Alonte VI

Certificazione GEP – Good Experimental Practice

Dal 1999, Repros detiene la certificazione GEP (Good Experimental Practices) rilasciata dal Ministero dell'Agricoltura italiano per lo svolgimento di prove di valutazione di prodotti fitosanitari a fini di registrazione (valutazione, test, prove sul campo).

Le GEP (Good Experimental Practice), assicurano che le prove di campo che  valutano l’efficacia e la selettività (effetti fitotossici e su organismi non target) di un dato prodotto siano condotte in accordo a principi uniformi, garantendone un’elevata qualità e un mutuo riconoscimento a livello Comunitario.

I prodotti fitosanitari devono essere autorizzati secondo il regolamento sulla protezione delle piante (REGOLAMENTO (CE) N. 1107/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO) prima che possano essere commercializzati e utilizzati. Questo processo di autorizzazione comporta una valutazione approfondita delle proprietà dei prodotti fitosanitari.

 

La certificazione GEP consente a REPROS di condurre studi ufficiali di sperimentazione agricola su prodotti fitosanitari per l'industria del “pest-control”(test di efficacia del prodotto, resa produttiva e valutazione della qualità, fitotossicità, effetti secondari).

Il termine colture di campo si riferisce a studi di sperimentazione condotti su mais, cereali (frumento, orzo, avena, triticale, segale), colture proteiche (piselli, soia), semi oleosi (girasole), patate, barbabietola da zucchero, vigneti e frutteti.

La certificazione GEP garantisce la completa tracciabilità delle procedure di test (basate su un insieme di procedure controllate dal nostro personale, dalla ricerca di un sito di prova adeguato fino alla redazione del final report) e consente quindi l'uso dei dati di prova raccolti per le registrazioni dei prodotti fitosanitari.

Repros si avvale del software ARM (Agriculture Research Manager) per la registrazione dei dati.

 

Prodotti fitosanitari

I prodotti fitosanitari sono preparati contenenti almeno una sostanza attiva destinata alla protezione di piante o prodotti vegetali contro parassiti e malattie, promuovendo o regolando i processi di vita delle piante, preservando i prodotti vegetali e controllando la crescita delle piante infestanti.

Prima che un prodotto fitosanitario possa essere autorizzato a livello di Stato membro e immesso sul mercato, i principi attivi contenuti nel prodotto formulato devono essere approvati a livello dell'Unione Europea.

La valutazione della sostanza attiva è eseguita dall'Autorità di uno Stato membro designato che organizza un progetto di relazione di valutazione dei dati presentati. Dopo l'approvazione UE della sostanza attiva, devono essere considerati i dati relativi al prodotto formulato contenente la sostanza attiva approvata. Ogni Stato Membro, dove è richiesto l'uso del prodotto, prende la decisione di concedere l'autorizzazione completa o condizionale o di non concederla.

La procedura di valutazione per l'autorizzazione si basa sui principi armonizzati dell'UE tenendo conto delle situazioni specifiche e locali. Il "nuovo" regolamento (CE) N. 1107/2009 è entrato in vigore nel giugno 2011 e stabilisce delle norme armonizzate per l'approvazione delle sostanze attive e l'immissione sul mercato di prodotti fitosanitari.

Le principali modifiche introdotte sono i criteri per l'esclusione preventiva delle sostanze pericolose, una procedura di autorizzazione semplificata per le sostanze identificate come a basso rischio e l'autorizzazione zonale dei prodotti per il riconoscimento reciproco negli Stati membri dell'UE.

Il principio del reciproco riconoscimento è uno dei mezzi per garantire la libera circolazione delle merci all'interno dell’Unione. Per facilitare tale riconoscimento reciproco, il territorio dell’Unione è stato diviso in zone con condizioni comparabili: pertanto le autorizzazioni concesse ad uno Stato membro dovrebbero essere accettate da altri Stati membri in cui le condizioni agricole, fitosanitarie e ambientali (comprese quelle climatiche) siano simili, evitando duplicazioni di lavoro e fornendo una disponibilità più armonizzata dei prodotti fitosanitari.

Scopo del presente regolamento è garantire che le sostanze attive e i prodotti non abbiano alcun effetto nocivo sulla salute umana o animale o effetti inaccettabili sull'ambiente, preservando nel frattempo la competitività dell'agricoltura europea. 

Prove di efficacia (GEP)

Repros si avvale di uno staff preparato che svolge attività di pieno campo su prodotti fitosanitari.

L’esecuzione di prove di efficacia (GEP) sul campo include la gestione complessiva degli studi, ovvero la pianificazione, l’esecuzione, la valutazione, la registrazione e l’interpretazione dei risultati per garantire elevati livelli di affidabilità e tracciabilità.

Le prove GEP sono eseguite seguendo gli standard EPPO sulla valutazione dell’efficacia dei prodotti fitosanitari nella loro versione più aggiornata.
La valutazione dell’efficacia di un prodotto fitosanitario rappresenta un prerequisito per la sua autorizzazione.

Le prove di efficacia forniscono informazioni per la valutazione delle prestazioni del prodotto contro parassiti, e sulla natura e la portata di eventuali effetti dannosi sulle colture, sulla resa delle colture trattate e di quelle successive.

La natura e l’entità dei benefici derivanti dall’uso di un prodotto fitosanitario sono dunque messe a confronto con i prodotti di riferimento esistenti e con determinate soglie di danno, consentendo di stabilirne le condizioni d’uso.
Queste prove consentono la valutazione del livello, della durata e dell’uniformità del controllo o di altri effetti derivanti dal prodotto.

Tipologie di prodotti

Erbicidi, insetticidi, acaricidi, fungicidi e regolatori di crescita delle piante

Colture

• mais
• cereali (frumento, orzo, avena, triticale, segale)
• colture proteiche (piselli, soia)
• girasole
• patata
• barbabietola da zucchero
• vigneti e frutteti

Il Centro di Saggio effettua diversi studi nel settore della difesa e protezione delle piante, in particolare:

• Prove di efficacia
• Fitotossicità nei confronti delle piante e degli organismi non target
• Possibile verificarsi dello sviluppo di resistenze
• Effetti collaterali indesiderabili
• Incidenza sulla resa delle colture o dei prodotti vegetali trattati
• Qualità delle piante o dei prodotti vegetali in post-raccolta
• Conservazione

Repros opera in diversi settori della sperimentazione agraria:

• Aree acquatiche
• Aree non agricole
• Colture arboree
• Colture erbacee
• Colture medicinali ed aromatiche
• Colture ornamentali
• Colture orticole
• Concia sementi
• Conservazione post-raccolta
• Diserbo
• Entomologia
• Microbiologia agraria
• Nematologia
• Patologia vegetale
• Produzione sementi
• Fitoregolatori, attivatori e coadiuvanti

SCARICA LA NOSTRA CERTIFICAZIONE

clicca qui

CONTATTA IL NOSTRO CENTRO DI SAGGIO

Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Utilizzando il sito, accetti l'uso dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

CHIUDI